A cura del Team di JustAvv

Quando si è al volante bisogna sempre ricordarsi di guidare con prudenza, ne va della tua vita e di quella degli altri.

Se sei passato col rosso, hai ricevuto una multa o tremi all’idea che l’atto contenente la multa venga recapitato a casa tua, vediamo insieme in questo articolo cosa puoi fare per contestare una multa per “semaforo rosso”.

Multa presa per essere passati col rosso?

Per chi passa col semaforo rosso il codice della strada, all’articolo 146, prevede delle sanzioni che abbiamo già avuto modo di vedere nell’articolo generale sulle multe.

La multa per essere passato col rosso varia:

  • Da 41 a 168 euro: nel caso di semplice superamento della striscia d’arresto;
  • Da 163 a 646 euro oltre alla sottrazione di 6 punti dalla patente: per passaggio con semaforo rosso. I punti salgono a 12 nel caso di conducente neopatentato (cioè in possesso di patente di guida da meno di 3 anni).

Infine, se sei passato con il rosso due volte nell’arco di 24 mesi ti verrà sospesa la patente.

Superamento della linea di arresto

Con i nuovi dispositivi di rilevamento Velocar per ricevere la multa è sufficiente anche non aver arrestato la macchina entro i limiti delineati dalla striscia bianca di arresto. Questo viene stabilito espressamente dal codice della strada: questo tipo di contestazione è dunque ammesso dalla legge.

Evidenti i problemi che possono derivarne considerato che il superamento della striscia di arresto può derivare da numerosi problemi e non sempre coincide con l’attraversamento dell’incrocio. Non ci sono delle vere e proprie regole da seguire in questo caso. L’automobilista potrebbe dunque chiedere agli agenti che hanno omesso il controllo dei fotogrammi di verificare nel concreto qual è la situazione rilevabile. In questo modo gli agenti di polizia potrebbero eliminare la multa senza necessità di ricorso, anche se va detto, che gli stessi agenti sono sempre molto restii verso tale forma di concessione.

Come detto la sanzione prevista per l’infrazione di superamento della linea d’arresto può andare dai 41 ai 168 euro.

Ma quanto deve durare il Semaforo Giallo?

Il punto fondamentale invece dell’essere passati con il rosso è che il rosso del semaforo dipende dal semaforo giallo (o arancione) da cui è preceduto. Il giallo avverte infatti di rallentare, avvisandoci che il rosso sta per scattare ed è necessario liberare l’incrocio nel modo più rapido e sicuro possibile. Ma quanto deve durare il giallo? 3 secondi? 5 secondi? 

Sul tema è intervenuto il Ministero dei Trasporti (nota numero 67906/2007) secondo la quale le tempistiche di permanenza del semaforo giallo devono essere pari a 3, 4 e 5 secondi in funzione della velocità dei veicoli in transito, rispettivamente 50, 60 e 70 km/h. Tale velocità è evidentemente determinata dai limiti di velocità della strada in oggetto.
 
Sempre nello stesso provvedimento si legge che nei casi di traffico pesante (cioè di veicoli come ad esempio autobus, filobus, tram, autocarri e autotreni, con lunghezza fino a 18.75 m) è indicata una durata di almeno 4 secondi anche per strade con limite di velocità imposto di 50 km/h.

Photored e ricorsi: tutto ciò che c’è da sapere

Quando si parla di Photored ci si riferisce all’apparecchio che fotografa chi passa con il rosso.Tuttavia ti tornerà utile sapere che a differenza degli autovelox perché la multa sia valida devono essere presenti agenti di polizia al momento in cui la foto viene scattata. Questo è il piglio che ti permette di impugnare la multa.

In caso di mancanza dei vigili di polizia municipale l’accertamento derivato soltanto dalla telecamera non è sufficiente e per questo la multa è annullabile, per due ragioni fondamentali secondo il giudice e l’orientamento giurisprudenziale:

  1. Verbale eccessivamente generico: infatti il verbale non risulta preciso nell’identificazione e sarebbero assenti le caratteristiche tecniche e l’individuazione del cosiddetto certificato di taratura;
  2. Rilevazione imprecisa: quando la contestazione proviene dai vigili è più semplice accertare le motivazioni della violazione. Ad esempio le macchine possono essere rimaste incastrate all’incrocio per un ingorgo, per una fila eccessiva di auto che congestiona il traffico, soprattutto nelle grandi città.

La violazione, per quanto imprudente e contraria alle norme di circolazione stradale, può essere stata dettata da emergenze di salute.

Per tutti questi motivi si ritiene insufficiente la sola rilevazione effettuata dal photored.

Come fare Ricorso per multa semaforo rosso: tempistiche e prescrizione

Il ricorso deve essere rivolto al prefetto e può essere presentato entro 60 giorni dalla ricezione della notifica della multa. Trascorsi i quali il diritto di ricorso si prescrive. Può essere fatto in due modi:

  1. Inviando il ricorso direttamente al prefetto direttamente con raccomandata dotata di ricevuta di ritorno. In questo caso, direttamente il prefetto rinvierà il ricorso agli uffici che hanno emanato la multa e poi saranno questi a inviare nuovamente al prefetto le specifiche tecniche della multa per essere valutate dal prefetto.
  2. In alternativa, inviando una raccomandata all’ufficio costituente l’organo accertatore.

Ricorso accettato: cosa succede?

Se il ricorso viene giudicato fondato, il prefetto emetterà un’ordinanza attraverso la quale specificherà l’archiviazione degli atti.

Ricorso non accettato: cosa succede?

Se l’accertamento viene giudicato valido il soggetto multato riceverà conferma della decisione entro 120 giorni.

In questo caso egli dovrà dunque provvedere al pagamento delle somme dovute, in caso contrario entro 150 giorni egli riceverà inoltre relativa ingiunzione di pagamento.

Altri tipi di Multe

Per approfondire i diversi tipi di multe automobilistiche è possibile leggere i nostri articoli sulle Multe Autovelox ed eccesso di velocitàMulte ZTL

Come trovare un avvocato specializzato in Multe

In caso di necessità di assistenza legale specializzata per problemi di multe non esitare a consultare la sezione di Justavv dedicata alle problematiche relative a Strada e Automobili dove potrai trovare i profili di decine di avvocati esperti in tutta Italia in:

Potrai visionarne il profilo completo, contattarli direttamente via messaggio e chiedere e ricevere gratuitamente da loro un preventivo personalizzato direttamente in chat per affiancarti e darti l’assistenza di cui hai bisogno.