A cura del Team di JustAvv

Spesso si sente parlare di Ricorso al Giudice di Pace online. Ma cos’è? Come funziona? Quando si può fare Ricorso al Giudice di Pace online? E quanto costa?

Vediamo insieme tutto ciò che c’è da sapere sul ricorso online al Giudice di Pace.

In caso di ulteriori domande non esitate a contattare gli avvocati di JustAvv specializzati in multe e ricorsi.

Ricorso al Giudice di Pace

Alzi la mano chi, almeno una volta nella vita, si sia visto recapitare a casa una multa, una contravvenzione per la violazione del Codice della Strada oppure una cartella esattoriale.

Dopo un probabile smarrimento iniziale, bisogna attivarsi tempestivamente per cercare di farsi cancellare il debito ed evitare di ricorrere in ulteriori sanzioni.

Ma come fare? Semplicemente facendo ricorso online al Giudice di Pace: Roma, Firenze, Torino e Milano hanno già sperimentato il servizio ottenendo larghi consensi.

Ricorso online al Giudice di Pace: come funziona?

Se ritieni di aver ricevuto un verbale errato, magari perché la targa dell’auto è sbiadita e poco leggibile o perché la macchina fotografata non appartiene proprio a te o a uno dei tuoi prossimi congiunti, grazie al ricorso on-line puoi adire direttamente il Giudice di Pace.

Già, perché non sempre l’ufficio dei Giudici di Pace è facilmente rintracciabile o raggiungibile. Senza contare che, nella maggior parte dei casi, alla già salata multa, potrebbero aggiungersi anche i costi per le trasferte verso gli uffici preposti.

Servizio attivo, con notevole successo, in diverse città italiane, il ricorso on-line al Giudice di Pace ti consente di risparmiare tempo e soldi per impugnare con pochi e semplici click:

  • Verbali emessi a seguito di una o più violazioni del Codice della Strada ex decreto legislativo 30 aprile 1992 n. 285 (e successive modifiche);
  • Cartelle esattoriali;
  • Ordinanze del Prefetto in virtù di un’emissione di assegni a vuoto;
  • Richiedere un decreto ingiuntivo;
  • Per tutte le altre violazioni che rientrino nella sfera di competenza del Giudice di Pace.

Come inoltrare richiesta al Giudice di Pace online?

Dopo aver verificato attentamente che la tua situazione rientri tra quelle elencate per accedere al servizio di ricorso online, bisogna capire proprio come inoltrare l’opposizione.

Se si tratta di una multa da contestare, il primo passo è visitare il sito istituzionale del Ministero della Giustizia e compilare il modulo predisposto per opporsi alle sanzioni amministrative.

Dopo aver inserito tutti i dati richiesti, quali nome e cognome, data di nascita, codice fiscale e indirizzo di residenza, occorre anche eleggere domicilio presso lo studio di un avvocato nel comune dov’è ubicato il Giudice di Pace o, in mancanza di ciò, effettuare una “dichiarazione di residenza o domicilio” presso la sede del Comune in cui si trova l’ufficio del Giudice di Pace.

Laddove mancasse questa specificazione, ogni comunicazione sarà fatta presso la cancelleria e verificabile tranquillamente on-line.

Le comunicazioni e le notifiche per il ricorso on-line

Se si ricorre al Giudice di Pace di Roma a seguito di una multa per eccesso di velocità sull’Autostrada e si risiede, invece, a Napoli, in mancanza di un’elezione di domicilio presso un avvocato, un amico o un parente, la cancelleria del Giudice di Pace non potrà provvedere a notificare al ricorrente la data dell’udienza o il suo esito.

Ogni comunicazione, infatti, sarà inserita sul portale on-line del Ministero della Giustizia e consultabile comodamente anche da casa.

Mentre nel caso di un ricorso per opposizione a una sanzione amministrativa non è necessario il patrocinio di un avvocato, per tutti i ricorsi per i decreti ingiuntivi si può stare in giudizio personalmente ma solo se il valore della controversia non supera i 1.100 euro.

Altri elementi per il ricorso online al Giudice di Pace: attenzione alla competenza

Dopo aver compilato tutti i campi richiesti dal modulo, otterrai il cosiddetto numero del protocollo web (una sorta di numero identificativo del tuo ricorso), necessario per consultare la fissazione della prima udienza e tutti i rinvii successivi.

Dopo aver, infatti, ottenuto anche il numero del protocollo web, occorre stampare cinque copie del ricorso e creare la nota d’iscrizione a ruolo, completa di codici a barre. Stampato il tutto, dovrai semplicemente depositare il plico presso la cancelleria del Giudice di Pace competente o inviarla tramite raccomandata A/R.

Ricorso online al Giudice di Pace: quanto costa?

Quanto ai costi per effettuare il ricorso, gli importi variano a seconda del valore della controversia:

    • Per importi fino a 1.100 euro è necessario acquistare un contributo unificato da 43 euro;
    • Da 1.100 euro a 5.200 euro il contributo unificato è da 98 euro;
    • Per importi superiori a 5.200 euro si paga un contributo unificato da 237 euro.

 

Come trovare un avvocato specializzato in Multe

In caso di necessità di assistenza legale specializzata per problemi di multe non esitare a consultare la sezione di Justavv dedicata alle problematiche relative a Strada e Automobili dove potrai trovare i profili di decine di avvocati esperti in tutta Italia in:

Potrai visionarne il profilo completo, contattarli direttamente via messaggio e chiedere e ricevere gratuitamente da loro un preventivo personalizzato direttamente in chat per affiancarti e darti l’assistenza di cui hai bisogno.